00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
Banner Design 300x250
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
news Torna Indietro Tutte le News news
Fonte: retepalermo.it      Letta: 271 volte      Commenti: 0
RPA: "Il Palermo e la rimodulazione degli stipendi, non tutti hanno accettato"
[ martedì 31 ottobre, 2017 ore: 21:04 ]

RPA: "Il Palermo e la rimodulazione degli stipendi, non tutti hanno accettato"

La rimodulazione degli stipendi del Palermo procede a rilento: ancora non tutti i giocatori hanno accettato e il lavoro della società va avanti con incontri e riunioni fra agenti e club.

L’obiettivo principale è abbattere la retribuzione fissa per avere un risparmio sul costo del lavoro. Ovviamente rispetto ai contratti in essere alla fine della stagione ogni giocatore non dovrà rinunciare a qualcosa, anzi al momento della proposta di rimodulazione a ognuno è stato proposto un bonus facilmente raggiungibile che incrementerebbe di fatto per la prossima stagione l’ingaggio percepito in questa.

Ogni giocatore, rivela La Repubblica, ha avuto una proposta personalizzata in base alla durata del proprio contratto e sono tornati in discussione anche gli accordi firmati tre mesi fa con i nuovi acquisti. Fra i volti nuovi, soprattutto stranieri, ci sono state le richieste di chiarimento maggiori: all’estero, per esempio, gli stipendi sono pagati con cadenza mensile, in B in Italia ogni due mesi. Chiedere di spostare ulteriormente una certezza per chi arriva da un’altra federazione ha richiesto un’aggiunta di spiegazioni.

C’è chi, invece, ha rifiutato e chi si è preso ancora del tempo per riflettere. Da viale del Fante assicurano che anche nel caso in cui avessero rifiutato tutti non ci sarebbe stata una criticità di liquidità nel pagamento degli stipendi, ma il 16 dicembre è ormai dietro l’angolo e quello sarà un ulteriore test sulla solidità finanziaria del club.

Quattro anni fa il Palermo prima di proporre ai suoi tesserati questo accorgimento contabile chiese un parere sia alla Lega di B che alla Covisoc e a una società di revisione di conti. Nel passaggio dalla A alla B le entrate fra diritti televisivi e sponsorizzazioni sono diminuite sensibilmente, mentre le spese di ingaggi e costi di gestione fra trasferte, alberghi e viaggi sono rimasti invariati. Tutto viene parametrato in base al monte ingaggi: se il Palermo fosse riuscito ad abbassarlo non avrebbe fatto ricorso alla rimodulazione degli stipendi.

Al momento della sottoscrizione dei contratti, inoltre, una società può avere una previsione di spesa di quello che sarà il monte ingaggi, ma poi è la realtà dei primi mesi di gestione che fa capire quanti e quali spazi di manovra ci sono. È ovvio, si osserva ancora sull’edizione odierna de La Repubblica, che se la proprietà avesse fondi illimitati questo problema non ci sarebbe, ma dal club assicurano che è per non indebolire la competitività della rosa che si è preferito ricorrere alla rimodulazione.



Commenta notizia - RPA:


Top news del Giorno
Inserisci tuo Commento
Nome:
Città:
Commento:
 
Nessun commento su questa notizia
I Vostri Commenti Top news del Giorno