00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
yoox.com
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
01. Logo 120 x 60
rassegna_stampa Torna Indietro Tutte le News rassegna_stampa
Fonte: Tuttosport      Letta: 1609 volte      Commenti: 0
Occhio a Bentivegna, lo raccomanda Messi
[ giovedì 17 settembre, 2015 ore: 12:59 ]

Occhio a Bentivegna, lo raccomanda Messi
Il più forte del mondo, Lionel Messi, l'ha scelto tra i giovani calciatori di tutta Italia. Ha visto i video con i suoi gol ed è rimasto impressioanto. Ma Accursio Bentivegna, talento arrivato al Como in prestito dal Palermo, non si monta la testa. Non è il tipo. "Mi hanno paragonato a tanti campioni fin da quando ero giovanissimo -dice-. Io, però, non ascolto questi discorsi. Penso a migliorare". Certo, il fatto di essere tra i dieci calciatori al mondo autorizzati a indossare le scarpe di Messi lo riempie di orgoglio. "Sono l'unico italiano in questo speciale team voluto da Adidas -racconta-. So che Messi ha visto tanti video di giovani e ha scelto me. Non l'ho ancora incontrato ma lo farò prossimamente a Barcellona". Un'emozione speciale per un ragazzo di 19anni che, sono parole sue, guarda "sempre e solo Messi". "In fondo -scherza- oltre alle scarpe abbiamo un'altra cosa in comune: l'altezza. Siamo tutti e due un metro e settanta".

In onore della Madonna
Nato in Sicilia, a Sciacca, dove quasi tutti gli uomini si chiamano Accursio (nome legato al culto della Madonna del soccorso, patrona della città), Bentivegna è stato spesso accostato a Dybala, quando giocava nel Palermo. "Ho fatto tutta la trafila nelle giovanili rosanero e l'anno scorso sono sceso in campo tre volte in A. Se dicono che somiglio a Dybala non posso lamentarmi, ma ognuno ha le sue caratteristiche: io sono Bentivegna e basta". Prima di innamorarsi di Messi, il giovane siciliano aveva un altro. Guarda caso un campione che indossava la maglia della Juve, la squadra di Dybala. "Si, da ragazzino adoravo Del Piero, era il mio riferimento. Quando ha smesso di giocare, ho scelto la stella del Barcellona". Bentivegna, tifosissimo del Palermo, simpatizza anche per la Juve. E ha una storia piena di aneddoti curiosi, basti pensare che è finito, quando aveva solo dieci anni, in un cortometraggio del regista Nino Sabella. Il titolo parla chiaro "Maradona baby". In quel video il piccolo Accursio fa già dei numeri pazzeschi con la palla tra i piedi: "Portavo persono a letto il pallone, che mi aveva regalato mio padre".

Talento tra i giovani
Con la maglia del Palermo ha impiegato ben poco tempo per mettersi in mostra, fino alla consacrazione dell'anno scorso: 11 reti nel campionato Primavera e capocannoniere al torneo Viareggio con 5 gol al pari dell'interista Bonazzoli. Ho giocato in tutte le Nazionali giovanili, pochi giorni fa è sceso in campo con l'Under20. Considerato uno dei giovani italiani più promettenti, Bentivegna è una seconda punta che può muoversi anche da esterno offensivo o trequartista. Sa saltare l'uomo e ha un destro molto potente: "Sono il più giovane nella rosa del Como e devo imparare ancora tanto -dice-. I compagni mi aiutano e lo stesso fa Sabatini, che mi vede sopratutto come seconda punta. Non ho ancora dimostrato niente. Il mio sogno è fare grandi cose con il Palermo, un giorno, per quest'anno vorrei fare bene a Como. Per me è la prima esperienza lontana dalla Sicilia, in un campinato lunghissimo e impegnativo come quello di B. Un torneo strano, dove puoi vincere 4-0 e la settimana dopo perdere 5-0. Diciamo che le scarpe di Messi sono uno stimolo in più". Sono appena arrivate e le ha indossate un paio di volte in allenamento.

Leggenda metropolitana
Poi ha pubblicato la foto su Twitter. Nel Como c'è un altro giovane considerato l'astro nascente del calcio italiano: Il portiere Simone Scuffet, ex Udinese. "Lo conoscevo già. Lui è davvero fortissimo". Chissà se qualcuno avrà raccontato a Bentivegna la leggenda metropolitana di un giovanissimo Messi arrivato a Como per un provino all'epoca di Preziosi e clamorosamente scartato. Storia falsa. Accursio da Sciacca, invece, in riva al lago è arrivato davvero ed è stato subito promosso. I tifosi se lo tengono stretto. Sperando che possa spiccare il volo, con le scarpe del più forte al mondo.

di Michele Sada - Tuttosport

Commenta notizia - Occhio a Bentivegna, lo raccomanda Messi


Top news del Giorno
Inserisci tuo Commento
Nome:
Città:
Commento:
 
Nessun commento su questa notizia
I Vostri Commenti Top news del Giorno