00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
yoox.com
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
01. Logo 120 x 60
rassegna_stampa Torna Indietro Tutte le News rassegna_stampa
Fonte: Gazzetta dello Sport      Letta: 1595 volte      Commenti: 0
Vazquez: "Salvezza a Palermo, poi magari la Champions"
[ gioved 17 settembre, 2015 ore: 10:47 ]

Vazquez: "Salvezza a Palermo, poi magari la Champions"
Franco Vazquez ha perso il "gemello" del gol ma non la grinta di un anno fa. Anche senza Paulo Dybala, il 26enne trequartista di Tanti vuole ripetere le mirabilie che gli valsero la chiamata di Conte: dagli 11 assist alle 10 reti in campionato, magari trasformando in gol buona parte di quella dozzina di legni. Dovr per affinare l'intesa con i nuovi soci d'area, Quaison e Gilardino innanzitutto. Per continuare a mirare le stelle e trovare una squadra che gli faccia toccare con mano il sogno Champions.

Vazquez com' la vita senza Dybala?
"Non mi posso lamentare. Con Paulo mi trovavo bene, ma oggi sto magnificamente con i nuovi compagni di reparto e non solo con loro. Dybala mi manca sopratutto come amico".

Vi siete sentiti in questi giorni?
"Siamo sempre in contatto. L'ho chiamato prima dell'esordio in Champions, era emozionato come un bimbo. Gli ho detto di stare tranquillo, tutto sarebbe andato per il meglio. Non sbagliavo".

Un p di sana e affettuosa invidia, osservandolo in tv durante la partita con il City, l'ha avvertita?
"Non scherziamo. Io a Paulo voglio bene come un fratello, a lui posso solo augurare il meglio in ogni settore della vita. Se la sua esperienza in bianconero va bene, io sar felice per lui, come lui del resto condivide le mie gioie".

Quest'estate la Juve l'ha sfiorata anche lei: c' rimasto male quando l'operazione saltata?
"Non ci penso pi, sono felice di stare a Palermo perch anche questo stato un attestato di stima, come il fatto di avermi tolto dal mercato dichiarandomi incedibile".

Il Palermo vince le prime due partite e poi rischia di perdere in casa con il Carpi: qual' quello vero?
"La A cos, ormai l'ho imparato: non esistono partite facili, non esistono avversari comodi. E comunque il Carpi gi contro l'Inter aveva dato segnali di ripresa che ha confermato contro di noi. L'Equilibrio e la difficolt fanno di questo campionato il pi affascinante d'Europa".

Comunque siete sempre secondi: l'Europa un obiettivo o solo un sogno di Zamparini?
"Se guardiamo troppo in alto finiremo per farci male da soli. Dobbiamo mirare non oltre la punta del nostro naso, vale a dire partita per partita, senza fissare traguardi e tabelle di marcia che servono solo a complicarsi la vita. Poi, se viene qualcosa di pi della salvezza, tanto meglio".

Ma il Palermo pi forte o pi debole?
"Aspettiamo qualche mese prima di rispondere. Certo, pensare di ripetere i 49 punti dell'anno scorso un'impresa, possibile ma non facile".

Sabato a San Siro troverete un Milan pi arrabbiato dopo la sconfitta nel Derby?
"Non credo, anche se a nessuno piace perdere la stracittadina. Ma noi sappiamo come contrastarli: attaccare "alto" e tenere palla per fargli male".

L'anno scorso contro i rossoneri a San Siro il Palermo vinse 2-0, gol di un certo Dybala. Stavolta?
"Stavolta magari segno io che sono gi andato in rete contro l'Inter ma mai contro il Milan".

N contro la Juventus, se per questo.
"Gi e quest'anno potrebbe essere la volta buona, cos faccio un dispetto al mio amico Paulo".

Quanti gol conta di fare in questo campionato?
"Pi dell'anno scorso, se pali e traverse non si accaniscono su di me: andrebbero bene anche 11".

Chi toglierebbe al Milan sabato sera?
"Bacca, un attaccate molto molto forte".

Se segna Vazquez, pronta un dedica?
"Alla mia famiglia: un pensiero scontato, ma inevitabile, giacch mamma Marina e pap Oscar saranno in tribuna. Ci saranno pure mio fratello maggiore, Federico e la moglie".

E la sua Agostina la lascia a Palermo?
"Lei in prima fila, ci mancherebbe".

E sull'altare quando pensa di salire?
"Non l'abbiamo ancora programmato. Stiamo assieme da due anni, viviamo sotto lo stesso tetto ma Agostina ha solo 22 anni. C' tempo".

La nazionale stata a Palermo, si aspettava di giocare almeno uno spezzone?
"Ho fatto tifo da fuori. Ognuno vorrebbe giocare sempre. Ci speravo, ma va bene lo stesso".

Non che si pentito di avere scelto l'Italia?
"Neanche per sogno, figurarsi, sto in un grande gruppo di campioni e farne parte un onore".

Ha gi deciso dove andr l'anno prossimo? Preferirebbe all'estero?
"Sono del Palermo e voglio garantigli il massimo, poi non detto che vada via. Sto bene in Italia e la A per me il massimo, quindi non intedo spostarmi. Certo mi piacerebbe giocare in una squadra da Champions".

Uno del Palermo di cui sentiremo parlare?
"Quaison, un'ottimo atleta con una magnifica visione di gioco e una forza eccezzionale".

di Francesco Caruso - Gazzetta dello Sport

Commenta notizia - Vazquez:


Top news del Giorno
Inserisci tuo Commento
Nome:
Città:
Commento:
 
Nessun commento su questa notizia