00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
yoox.com
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
01. Logo 120 x 60
rassegna_stampa Torna Indietro Tutte le News rassegna_stampa
Fonte: Gazzetta dello Sport      Letta: 995 volte      Commenti: 0
Quaison: "Siamo più forti dello scorso anno, Gila e Vazquez super"
[ venerdì 11 settembre, 2015 ore: 12:01 ]

Lo svedese nero del Palermo ha fatto presto a conquistare la notorietà. Arrivato un anno fa, Robin Quaison in estate si è laureato campione europeo Under 21 e ora è già pronto a spiccare il volo dalla rampa di lancio rosanero.

Quaison, ci racconti l’esperienza del titolo continentale... «Chiudere un torneo con una medaglia d’oro al collo mi ha trasmesso sensazioni mai provate finora, farlo con la mia nazionale è stata una soddisfazione in più e uno stimolo a far sempre meglio».

Pensiamo al Palermo: come si trova a giocare con Vazquez?
«Cosa volete che vi dica, Franco è un ottimo giocatore. Tutti ormai conoscono le sue qualità, per ogni rosanero è un vantaggio averlo in squadra».

Lei è un trequartista ma Iachini la vede come jolly di centrocampo: che ci dice?
«Decide l’allenatore. Ma se devo esprimere una preferenza, mi sento un giocatore offensivo al quale piace stare più vicino possibile alla porta».

Come vede il Palermo orfano di Dybala e con tanti giovani innesti? «Siamo una squadra forte e lo ha già dimostrato, vincendo le prime tre partite della stagione. Tutti i nuovi acquisti ci daranno una mano a cominciare da Hiljemark, fino a Gila».

A proposito: conosceva già Gilardino, le piace? «Tutti apprezzano le sue qualità, un attaccante di grande esperienza che ha vinto tanto».

E’ un Palermo più forte dello scorso anno? «Per me siamo meglio oggi, perché più esperti e perché molti di noi lavorano già da un anno al progetto tattico di Iachini».

Come va con l’italiano, sul campo chi l’aiuta a capire Iachini? «Ora va molto meglio, non ho bisogno di interpreti».

Cosa le piace più di Palermo? «Adoro il clima e il mare, anche se ovviamente la città è molto bella e ricca di storia. Non a caso ho scelto di vivere in centro e non a Mondello come molti compagni».

I suoi piatti preferiti? «In generale mi piace la bresaola, ma se parliamo di specialità palermitane, allora vado ghiotto per i piatti a base di pesce».

Ha visto qualcosa della Sicilia? «Di recente ho avuto modo di visitare San Vito lo Capo, un posto incantevole, ci tornerò».

Ce lo vede il Palermo in Europa? «Nei prossimi anni, perché no? Abbiamo giovani di talento e una società solida e nel calcio tutto è possibile».

Dimenticavamo: domenica c’è Palermo-Carpi. «Partita tosta, hanno già messo in difficoltà l’Inter e ora vogliono iniziare a far punti, noi però non abbiamo intenzione di mollare la vetta, quindi...».

di Francesco Caruso - Gazzetta dello Sport

Commenta notizia - Quaison:


Top news del Giorno
Inserisci tuo Commento
Nome:
Città:
Commento:
 
Nessun commento su questa notizia
I Vostri Commenti Top news del Giorno