00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
yoox.com
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
01. Logo 120 x 60
rassegna_stampa Torna Indietro Tutte le News rassegna_stampa
Fonte: Corriere dello Sport      Letta: 796 volte      Commenti: 0
Zamparini brinda al Palermo: "Cassini, bambino con personalità. Io mangia tecnici..."
[ venerdì 17 luglio, 2015 ore: 12:15 ]

Raimondo Lanza di Trabia riceveva giornalisti e presidenti, nudo, nel bagno dell'hotel Gallia, a Milano, Gianni Agnelli, a Villar Perosa, parlava camminando e solo chi era accanto a lui riusciva a sentire le sue proverbiali battute. Maurizio Zamparini brinda al Palermo con Pinot e Sauvignon doc, denominazione di origine casalinga, etichetta "Villa Zamparini" che produce solo per sè, per pochi amici e per momenti speciali. In questo caso "perchè abbiamo costruito un ambiente tranquillo e sereno e Angelo Baiguera (executive manager, ndr), che fa parte del vostro mondo, è stato bravo a corprire il vuoto che c'era tra noi e la città. Volete il discorso del presidente? Prima un bicchierino così sarò più sciolto". Zamparini cura salumi e formaggi rigorosamente di produzione propria, inneggia ai finferli che crescono nella zona e che verranno serviti con delizioso risotto - "Tra poco esco e raccolgo quelli che farete fuori..."-, mentre Baiguera mescola bianco e rosso a volontà con il tocco finale delle grappe. "Ho perso cinque chili e non li voglio più - dice il presidente - ma acqua non ne bevo".

MACCHINE E GIOCATORI - La villa di Zamparini, a due passi dal campo sportivo, terrazza che guarda i boschi di Bad Kleinkirchheim con tanto di sauna e laghetto privato. Un altro Zamparini che nelle vesti di padrone di casa mette tutti a proprio agio. Squilla il telefono: "Pronto? Chi è? Magnusson? Guardi le passo Gerolin perchè di Magnusson non so niente neppure se è una macchina o un giocatore". Mentre Gerolin discute con l'agente del difensore della Juve. Zamparini si interessa a Feddal "Ha rifiutato un sacco di soldi? E' una balla, dovrebbe ringraziare il suo Dio, la rovina sono i procuratori che vogliono sempre quattrini".

PIU' DI UN TECNICO - Ognuno racconta le sue storie per lo più divertenti. E Zampa: "Un giorno, a Trieste, Baldini mi disse: 'Vede quei due? Con loro non andiamo da nessuna parte...' I due erano Toni e Zauli... Mangia allenatori? Avrei dovuto licenziarne duecento. Il mio più grande errore, Maifredi, l'esperto di champagne. Solo due capiscono di calcio: Iachini e Guidolin. Piuttosto, tocca ai tecnici prendere qualcosa da me perchè ne so più di loro".

NUOVO DYBALA COL BIBERON - Da uno che ha scoperto Cavani, Pastore, Vazquez, Dybala... Il prossimo è già in rampa di lancio e si chiama Matheus Cassini. "L'ho seguito con felicità, non lo conoscevo. Non è ancora Dybala, però farà il c... così a tanti. Quella che mi è piaciuta di questo bambino è la personalità. E' un bambino, Sorrentino gli ha messo una culla in camera e gli fanno le foto. Ecco, vedete, Sorrentino è eccezzionale, è lui il nostro vero capitano". Ride di cuore: "A cena per Cassini ha preparato il seggiolone 'tanto se ti sporchi ti cambio il pannolino' e Cassini ha risposto allo scherzo chiedendo il biberon. Un bel clima. Matheus ha dimostrato carattere quando ha preso maglia numero nove di Dybala. Nell'amichevole si è mosso bene, voleva fare gol a tutti i costi come Belotti che non riusciva a segnare ed era di un incaz... unico. Sembrava che il portiere ce l'avesse con lui. Dopo un giorno di ritiro si fa fatica. Solo Maradona era al di sopra di tutto. Belotti deve essere a posto per rendere al meglio come Vazquez che ha sbagliato passaggi per lui elementari. E comunque, in questa fase non puoi dare giudizi. Cassini piccolo e più leggero soffre di meno. Sono contento anche di Hiljemark. Mi ha salutato 'buongiorno presidente' e si è dato le risposte: 'grazie, prego', e per fortuna non è arrivato Viviani. Gli metto un bel dieci, può giocare al posto di Rigoni, Chochev o Jajalo ma già si vede la mano di Iachini perchè lo svedese si è inserito anche in attacco. Il mio giudizio su Quaison? Ci vuole la bravura di Iachini per dirci dove può giocare. Non è una punta e se lo metti esterno bisogna che sappia difendere. Rispoli non fa rimpiangere Morganella che adesso se la deve giocare. Con il 4-3-3, diveterebbe tutto più facile, in attacco Vazquez, Belotti, Qauison o Trajkovski. Iachini ci penserà. Il 3-5-2 mi piace, ma facevamo fatica, servirebbero tre Gonzalez".

BOMBER E RICORDI - Spazio anche per i ricordi. "A Sevegliano, a quindici anni, giocavo e segnavo tanti gol, ero il più bravo di tutti. E li ricordo uno per uno, emozioni bellissime. Abitavo sopra un campo di calcio e ogni giorno mi allenavo calciando all'incrocio dei pali. Su dieci tiri, nove andavano dentro. I miei giocatori dovrebbero fare lo stesso. Maradona e Mihajlovic lo facevano".
Zamparini saluta: "Ambiente bellissimo quello del Palermo, più dell'anno scorso. Grande il gruppo. Sono fiducioso. Squadra all'altezza, allenatore da tre anni, giocatori che conoscono i movimenti a memoria, altri che si inseriranno...". Si chiude così una giornata particolare. Unica. Per la prima volta, infatti, il presidente non ha parlato di due cose: di un Palermo più forte senza Dybala e dell'Europa...Proprio un altro Zamparini.

di Salvatore Geraci - Corriere dello Sport

Commenta notizia - Zamparini brinda al Palermo:


Top news del Giorno
Inserisci tuo Commento
Nome:
Città:
Commento:
 
Nessun commento su questa notizia
I Vostri Commenti Top news del Giorno