00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
yoox.com
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
01. Logo 120 x 60
rassegna_stampa Torna Indietro Tutte le News rassegna_stampa
Fonte: Gazzetta dello Sport      Letta: 930 volte      Commenti: 0
Vazquez: "Italia? farò contenta la mamma. Adoro Palermo, vorrei diventarne simbolo"
[ martedì 17 febbraio, 2015 ore: 11:20 ]

L'azzurro, finora, è stato nel suo destino. Per il futuro può essere soltanto un fatto di gradazioni. Da quello tenue del Napoli alla tinta più forte della Nazionale, c’è tutta la parabola di Franco Vazquez. Contro i partenopei ha esordito in Serie A al suo arrivo in Italia tre stagioni fa, mentre quest’anno con due gol tra andata è ritorno è stato la bestia nera degli uomini di Benitez. Per un argentino, poi, una vittoria sul Napoli ha sempre un sapore particolare. «Dici Napoli e pensi a Maradona che lì è stato un dio – dice El Mudo (il suo soprannome, significa il muto) – Fa un certo effetto vincere contro quei colori anche per questo. Segnare sia all’andata che al ritorno, poi, è stato bellissimo. Per il Palermo è stata una vittoria importantissima perché volevamo riscattare la sconfitta con l’Inter. Sì, in effetti, il Napoli mi porta bene».

Visto che con l’azzurro ha un buon feeling, pensa di mantenerlo anche con la Nazionale italiana?
«Ho sempre detto che per metà mi sento italiano, mia madre è di Padova e molti miei parenti vivono li, per me sarebbe un onore».
Conte l’ha già chiamata. Che le ha detto?
«In realtà Conte l’ho visto soltanto quando è venuto a trovarci a Boccadifalco, poi non l’ho più sentito (ride, ndr)».
Allora ci dica che ne pensa del c.t.
«Per me è uno dei migliori allenatori al mondo. Non si vincono tre scudetti di fila per caso. Mi ricorda molto Iachini, anche lui vuole un calcio fatto d’intensità, qualità e bel gioco. Poi, trasmette una carica incredibile, proprio come il nostro tecnico».
Nell’Italia dove si vedrebbe meglio? In attacco con Zaza o anche a centrocampo con Pirlo e Marchisio?
«Penso di essere più utile in attacco, però se Conte mi chiedesse di giocare a metà campo non avrei problemi. L’ho fatto nel Palermo, figuriamoci se non potrei farlo in Nazionale».
Con Zaza pensa di ripetere le meraviglie fatte con Dybala?
«Sarebbe fantastico. Sono due attaccanti molto forti, anche se sono diversi. Zaza è più centravanti, Paulo è una punta di movimento che arretra molto per dialogare con i centrocampisti e sa svariare su tutto il fronte d’attacco».
Conte era in tribuna a San Siro quando avete perso con l’Inter. Quella sera non si è visto il solito Vazquez. La presenza del c.t. l’ha un po’ condizionata?
«Non sapevo nemmeno che fosse lì, me l’hanno detto a fine gara. Non sono uno che legge molto. Comunque è stata una gara sfortunata in certi episodi. Inoltre, abbiamo affrontato una squadra che ha dimostrato di essere più forte».
A marzo l’Italia giocherà a Sofia con la Bulgaria per le qualificazioni agli Europei. Si sente pronto?
«Magari, non vedo l’ora».
Finora ha segnato 7 gol, fornito 8 assist e colpito 7 volte i legni. Se invece di centrare pali e traverse avesse fatto centro, avrebbe superato Dybala. Ci sta facendo un pensierino?
«No, per niente. Anzi vorrei che Paulo continuasse a segnare il più possibile perché se lo merita. A me piacerebbe arrivare in doppia cifra. Sarebbe un bel traguardo».
Col Napoli ha eguagliato anche il suo record personale di reti realizzato con la maglia del Belgrano. E’ stata una davvero serata speciale.
«Sì, anche perché in tribuna oltre alla mia fidanzata c’era mia madre. È venuta a trovarmi e mi ha portato fortuna».
Che ne pensa mamma Marina della possibilità di vestire l’azzurro?
«È contenta, però mi ha detto sempre di fare quello che reputavo meglio per me. Non mi ha dovuto convincere».
Dybala non ha rinnovato e a giugno andrà via. Visto il vostro legame dentro e fuori dal campo c’è il rischio che lei cada in depressione?
«Ma no, posso solo essere felice per lui, sta facendo un campionato strepitoso, approdare in una big sarebbe il giusto riconoscimento dopo questa stagione. Per il futuro siamo a posto: c’è Andrea Belotti che è un grande attaccante. Il sostituto lo abbiamo già in casa».
Lei invece ha rinnovato. Per restare a Palermo?
«Ho rinnovato perché sono molto legato a questo club e perché qui sto davvero benissimo. Quello che accadrà in futuro dipende anche dalla società e dal tipo di richieste che potranno arrivare. Mi piace però molto l’idea di poter diventare un giocatore simbolo di questa squadra».
Se l’anno scorso le avessero detto che sarebbe diventato uno dei giocatori rivelazione della Serie A, che avrebbe pensato?
«Che mi stavano prendendo in giro, anche se ho sempre lavorato tanto per il mio bene. Soprattutto in quei sei mesi vissuti fuori lista. Credo che quel periodo sia stato utile per la mia crescita, e oggi sto raccogliendo i frutti».
Nel Palermo si continua a parlare di salvezza, non sarebbe più giusto a questo punto pensare all’Europa League?
«Abbiamo le potenzialità per provarci, ma prima dobbiamo passare dalla salvezza. Però per puntare all’Europa dobbiamo vincere anche in trasferta, ci vuole il salto di qualità. Ci proveremo già con la Lazio».

di Fabrizio Vitale - Gazzetta dello Sport

Commenta notizia - Vazquez:


Top news del Giorno
Inserisci tuo Commento
Nome:
Città:
Commento:
 
Nessun commento su questa notizia
I Vostri Commenti Top news del Giorno