00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
yoox.com
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
01. Logo 120 x 60
rassegna_stampa Torna Indietro Tutte le News rassegna_stampa
Fonte: Repubblica di Palermo      Letta: 788 volte      Commenti: 0
Vazquez: "I miei gol per il Palermo e per la nazionale azzurra"
[ martedì 27 gennaio, 2015 ore: 11:51 ]

Vazquez: "I miei gol per il Palermo e per la nazionale azzurra"
Sale sul volo che riporta il Palermo in città dopo la trasferta di Genova con il cappuccio della giacca della tuta sulla testa. Sembra un rapper, un rapper dalla faccia buona. Franco Vazquez percorre il corridoio dell’aereo con il sorriso dipinto sul volto. Voglio l’autografo di Vazquez e Dybala. L’imperativo categorico degli addetti al metal detector prima dell'imbarco dei giocatori. Così, quando il comandante annuncia che l’aereo sta per decollare, non si può non parlare del binomio vincente del calcio rosanero.
«Il nostro feeling — dice Vazquez mentre allaccia le cinture di sicurezza — è in campo, ma anche fuori». Sedici dei trentadue gol dei rosanero sono stati segnati da quella che è diventata una delle coppie gol più prolifiche della serie A. Dieci gol Dybala sei (l’ultimo proprio a Genova contro la Samp) per Vazquez. «È bello che la gente si sia accorta di noi — dice — Essere considerati una coppia così prolifica non può che fare piacere. Però è importante ricordare che i nostri gol arrivano grazie al lavoro dei compagni di squadra».
In effetti la rete di Vazquez alla Sampdoria è il giusto mix tra il lavoro di preparazione di Edgar Barreto e la classe del Mudo. Anche in aereo il capitano e Vazquez non sono distanti uno dall’altro. «È stata una bella giocata —racconta l’attaccante argentino —Edy mi ha servito una gran palla. Quel gol mi ha reso veramente felice perché siamo riusciti a rimettere in carreggiata una gara che sembrava compromessa. Peccato per la rete di Morganella che l’arbitro non ha visto».
Già, il gol fantasma dello svizzero che nessuno dei giudici di gara ha visto. Né l’arbitro Cervellera, né il giudice di porta Chiffi che era quello che più di tutti avrebbe dovuto vedere. In aereo non si parla d’altro. Ognuno dei giocatori misura con un metro invisibile di quanto il pallone fosse entrato. «Sono d’accordo con quello che ha detto il presidente Zamparini —sostiene Vazquez — La tecnologia è ormai necessaria. In Inghilterra questo avviene da anni e adesso è arrivato il momento che venga introdotta anche in Italia».
Lui dice Italia e la lampadina che si accende immediatamente è legata all’Italia intesa come nazionale di calcio. Se Dybala ha detto no a Conte, il gemello Vazquez è pronto a rispondere a una eventuale chiamata del commissario tecnico. «Non è un pensiero fisso — dice il Mudo — ma è una cosa che mi intriga. Penso a fare bene con il Palermo con la consapevolezza che meglio va in maglia rosanero. Se dovesse arrivare la convocazione accetterei immediatamente senza alcun problema».
Il comandante informa che tra venti minuti atterreremo all’aeroporto di Punta Raisi. C’è ancora il tempo per parlare di futuro e di ambizioni. «Il mio futuro lo vedo in rosanero — dice Vazquez — Al momento non penso ad altro. Penso a battere il Verona. La vittoria ci manca già da tre partite. Troppe. È una partita che presenta mille insidie ma noi vogliamo tornare a vincere davanti al nostro pubblico».
Signore e signori benvenuti a Palermo, aeroporto “Falcone Borsellino”. L’hostess annuncia che l’aereo è atterrato. Il Palermo torna a casa dopo l’ennesima bella prestazione, ma Franco Vazquez vola basso. «Il nostro obiettivo rimane la salvezza — dice — Certo che però essere ottavi in classifica fa piacere ci riempie di orgoglio». Ottavi e chissà se Cervellera avesse visto quel gol...

di Massimo Norrito - La Repubblica ed. Palermo

Commenta notizia - Vazquez:


Top news del Giorno
Inserisci tuo Commento
Nome:
Città:
Commento:
 
Nessun commento su questa notizia
I Vostri Commenti Top news del Giorno