00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
yoox.com
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
01. Logo 120 x 60
rassegna_stampa Torna Indietro Tutte le News rassegna_stampa
Fonte: Palermomania      Letta: 812 volte      Commenti: 0
Iachini: "Resterò sempre legato al Doria, ma ora darò tutto per il Palermo"
[ venerdì 23 gennaio, 2015 ore: 11:47 ]

Mister Iachini, prima o poi questo giorno doveva arrivare...
«E già. Il giorno del mio ritorno al Ferraris da avversario della Sampdoria... sto già provando emozioni speciali in queste ore che precedono la partita e altre sicuramente ne proverò sul campo. Emozioni belle, positive. Fa sempre piacere ritornare in un posto dove sei stato benissimo. A Genova ho vissuto sette mesi che valgono dieci anni. Da una situazione di scoramentoe di sfiducia, per la retrocessione e il brutto avvio di campionato in B, abbiamo compiuto un percorso culminato nella promozione, in un crescendo di entusiasmo e di esaltazione. Ricreando entusiasmo tra i tifosi blucerchiati, eccezionali».
Tifosi che la stanno aspettando. Il Club Mugnaini le consegnerà una targa domani, ma anche tifosi singoli stanno preparando dei pensieri per lei.
«Li ringrazio... ogni volta che incontro da qualche parte un tifoso sampdoriano sono sempre grandi feste e grandi attestati. Da pelle d’oca. Ci accomunerà e ci resterà dentro per sempre il ricordo indelebile di quanto abbiamo vissuto in quella stagione. La soddisfazione e la consapevolezza di avere dato tutto non solo a livello sportivo ma anche di “eredità”. Abbiamo lasciato un patrimonio tecnico per il futuro, dei ragazzi come Obiang, Soriano e Krsticic che con noi hanno iniziato a giocare con continuità. Io sono felice e orgoglioso di essere riuscito a dare una mano a una società così gloriosa attraverso il nostro lavoro e la nostra metodologia. E felice di essere ricordato non solo per l’impegno profuso, ma anche per la mia onestà. È vero che gli allenatori passano, ma la mia storia dice che possono bastare sette mesi per legarsi per tutta la vita a una squadra. Anche se poi le strade si dividono e io adesso alleno il Palermo e dò tutto me stesso per questi colori».
E lo sta facendo bene. Il Palermo è una delle sorprese di questo campionato.
«Siamo partiti per salvarci, con praticamente lo stesso gruppo della promozione. Ma io e i miei collaboratori (il vice Carillo e il preparatore atletico Tafani, già alla Samp, ndr) siamo abituati a confrontarci con situazioni complicate, come sapete... ».
Sono esplosi Dybala e Vazquez. Avete rigenerato Maresca...
«Quando siamo arrivati Dybala era molto giovane. Abbiamo fatto un determinato lavoro su di lui, anche dal punto di vista dell’esplosività, gli abbiamo dato fiducia e certezze. E ci sta ripagando. Vazquez era addirittura fuori rosa. Maresca è un grande giocatore, si è messo completamente a nostra disposizione. Un allenatore bravo deve ottenere il massimo, e anche di più, dal materiale che ha. E per me c’è una sola strada, il lavoro».
Un po’ come sta facendo Mihajlovic nella Samp. «Esatto. La Sampdoria sta facendo un campionato enorme, di qualità. Sta dando soddisfazioni a i tifosi e alla nuova società. E il merito è dell’allenatore. Ferrero? È un presidente nuovo del calcio. Se assomiglia a Zamparini?... beh, almomento la posizione di Mihajlovic mi sembra bene salda... come entusiasmo e voglia di fare, sicuramente».
Domenica a Marassi entrerà nell’altro spogliatoio.
«È vero, stavolta mi tocca andare di là. So che le persone della società sono cambiate quasi tutte, saluterò con grande piacere chi è rimasto, il team manager Ajazzone, il dottor Baldari... non ho ancora pensato al momento in cui metterò piede sul terreno di gioco. Ma mi immagino qualcosa di speciale. Un pensiero va alla famiglia Garrone, so che proprio in questi giorni cadeva il secondo annoversario della morte di Riccardo. Con Edoardo qualche volta capita di sentirci, di scambiarci messaggi. È una famiglia seria, siamo rimasto in ottimi rapporti. Mi resta sempre dentro un po’ di rammarico per come si è conclusa la mia storia nella Samp, credo che la famiglia Garrone volesse continuare con me e che dopo abbia capito come sono andate realmente le cose. Tante volte la meritocrazia non ha un riscontro immediato, ma con il tempo, il lavoro, la serietà e soprattutto la competenza una persona le cose se le va comunque a conquistare. Il tempo è galantuomo».
All’andata la Samp fece 1-1 nel recupero e con un uomo in meno.
«Ricordo bene quella partita, questo è il calcio. In seguito ci è successo altre volte di lasciare per strada qualche punto. Ma andiamo avanti per la nostra strada. Ci stiamo preparando con grande concentrazione per questa sfida in casa della terza in classifica. Loro sono favoriti, ma noi siamo consapevoli delle nostre qualità e sono sicuro che ce la giocheremo».

fonte: Secolo XIX

Commenta notizia - Iachini:


Top news del Giorno
Inserisci tuo Commento
Nome:
Città:
Commento:
 
Nessun commento su questa notizia
I Vostri Commenti Top news del Giorno