00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
yoox.com
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
01. Logo 120 x 60
rassegna_stampa Torna Indietro Tutte le News rassegna_stampa
Fonte: Gazzetta dello Sport      Letta: 926 volte      Commenti: 0
Il segreto di Iachini: meno attaccanti e più tiri in porta
[ lunedì 3 novembre, 2014 ore: 10:56 ]

Il Palermo gioca con un solo attaccante (Dybala), fa 7 tiri in porta e 2 gol. Il Milan finisce la partita con un poker d’attacco (El Shaarawy, Torres, Pazzini e Menez), ma calcia tre volte verso Sorrentino. Una miseria. Questo dato, semplice semplice, dice una cosa: nel calcio il numero dei gol realizzati non è quasi mai direttamente proporzionale a quello dei giocatori offensivi schierati. Pippo Inzaghi, ieri sera, deve aver dimenticato questa regoletta con il risultato che il Milan ha sudato, sofferto e poi pianto di fronte alle volate del Palermo. L’equilibrio è il valore principale di qualsiasi squadra: se non fosse così, basterebbe mettere in campo un portiere e dieci attaccanti e si vincerebbero tutte le partite.

Atteggiamento - Altra ombra notata a San Siro: a che cosa serve tenere il pallone per il 62,5 per cento del tempo se poi non si conclude nulla? Al Palermo, con la sua organizzazione e con la sue ripartenze improvvise, è bastato il 37,5 per cento di possesso palla per mandare al tappeto l’avversario. E qui è giusto spendere qualche parola sull’atteggiamento, cioè sulla tattica, dei siciliani: pressing alto, quattro giocatori (Dybala, Vazquez, Barreto e Bolzoni) pronti a non far partire l’azione nemica e a rubare il pallone. Vazquez, nello specifico, si sdoppia: fa il mediano su De Jong e il trequartista quando deve ricamare la manovra e imbeccare Dybala. Sono 61 i tocchi dell’argentino, 3 tiri nello specchio e 1 fuori. Inoltre: 40 passaggi (13 sbagliati), 1 cross, 3 sponde, 1 occasione creata. Ogni volta che il Palermo si affaccia nella metà campo rossonera c’è lo zampino di Vazquez: apparentemente lento di gambe, dimostra velocità di pensiero e di esecuzione. Caracolla, ondeggia, sembra in difficoltà, ma il pallone non glielo prendono mai. E quando non c’è Vazquez, ecco che spuntano Barreto, Maresca e Bolzoni. Lì in mezzo il Palermo domina.

Utilità  - Lo specchio della prestazione del Milan sta invece nei numeri di Menez: 85 tocchi, sempre pronto a ricevere il passaggio dei compagni, 51 appoggi (6 sbagliati), ma addirittura 27 palloni persi. A poco servono i 3 dribbling riusciti, i 3 cross e le 3 sponde. Se quando gli danno il pallone non riesce a tenerlo o a combinare qualcosa di buono, l’utilità di Menez è pari allo zero.

di Andrea Schianchi - Gazzetta dello Sport

Commenta notizia - Il segreto di Iachini: meno attaccanti e più tiri in porta


Top news del Giorno
Inserisci tuo Commento
Nome:
Città:
Commento:
 
Nessun commento su questa notizia
I Vostri Commenti Top news del Giorno