00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
Banner Design 300x250
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
Articolo sul Palermo Torna Indietro
Fonte: stadionews.it        Letta: 542 volte        Condividi:
Repubblica Palermo – Fallimento: inizia il lavoro dei periti. Gli scenari
[ mercoledì 20 dicembre, 2017 ore: 16:31 ]

“Il lavoro dei periti è iniziato”. Questo il titolo scelto da Repubblica Palermo per affrontare il tema dell’istanza di fallimento e della nuova perizia a cui verrano sottoposti i conti del club rosanero, affidati ora all’analisi di tre consulenti (tra loro il palermitano Daniele Santoro) che dovranno stilare un calendario di lavoro da terninare entro 50 giorni.

Il quesito posto dal collegio dei giudici (Vacca, Sidoti e D’Antoni) è se sussistono i requisiti di’insolvenza sulla base degli indici di solvibilità indicati dalla Procura e per rispondere ad esso i periti oltre a riesaminare l’istanza presentata dalla Procura e le tesi difensive potranno acquisire nuovi atti.

Tra essi dovrebbe esserci l’ultimo bilancio del club (approvato lo scorso ottobre), che secondo il Palermo presenterebbe un attivo di 4 milioni di euro e sul quale dovrà essere accertata la coerenza con quanto sequestrato dalla Finanza in estate, che però avrebbe in suo possesso anche una bozza di bilancio con un attivo da 36 milioni.

I scenari ora sono due: se al termine della perizia verranno accertate le accuse di insolvenza e i debiti per 62 milioni il club sarà dichiarato fallito accogliendo l’istanza; se venisse accolta la tesi della difesa (debiti ripianabili per 32 milioni) l’istanza verrebbe respinta.



Condividi su Facebook