00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
Banner Design 300x250
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
Articolo sul Palermo Torna Indietro
Fonte: livesicilia        Letta: 722 volte        Condividi:
Lupo: "Il mercato è stato positivo No di Zampa a offerte importanti"
[ venerdì 1 settembre, 2017 ore: 11:24 ]

Basta mercato, adesso la palla passa al campo. Si è chiuso alle ore 23.00 la sessione estiva di calciomercato con un ultimo giorno intenso per il Palermo. Tra cessioni (Lo Faso, D'Amico, Ruggiero e la rescissione di Diamanti) ed entrate (Monachello) il direttore sportivo Fabio Lupo ha chiuso una giornata di lavoro dai ritmi elevati. Alla fine di questi due mesi, però, c'è soddisfazione per quanto fatto: "Il bilancio è positivo - ammette Lupo a LiveSicilia Sport - ci eravamo dati delle linee guida che abbiamo rispettato. Siamo stati coerenti con quello che abbiamo detto sin dal primo giorno. Eccezion fatta per Goldaniga abbiamo trattenuto quei giocatori base della squadra, chi è arrivato lo ha fatto con grandi motivazioni. Lo definisco un mercato coerente. Il presidente Zamparini ha rinunciato a numerose plusvalenze importanti, in virtù di questa coerenza. Il campo dirà se è stato un mercato con le giuste intuizioni che è diverso dalla razionalità sulla carta. Speriamo che il campo ci dia ragione".

Una giornata per il Palermo che ha visto al centro dell'attenzione Andrea Rispoli e l'assalto last minute del Torino, a caccia di un sostituto di Davide Zappacosta passato al Chelsea. Il direttore Lupo, però, ha alzato un muro respingendo l'offerta al mittente: "Ci sta nei desideri di un giocatore di aspirare alla massima categoria, a maggior ragione in un club ambizioso come può essere il Torino e all'età di Andrea. Il ragazzo, però, è rimasto sereno e la società è rimasta coerente con quello che si era prefissato. Abbiamo sempre detto che per noi è un giocatore imprescindibile, era d'obbligo che le dinamiche di mercato potessero portare a scelte differenti. Andrea ha nelle corde il temperamento e la forza per ritrovare motivazioni. In questo momento qui c'è anche Morganella che sta facendo bene quindi troverà una concorrenza agguerrita. Abbiamo cercato di creare in ogni reparto delle alternative valide ed una sana concorrenza che può fare solo bene ad un gruppo importante".

Il Palermo è riuscito a trattenere Rispoli e Nestorovski, due dei tre giocatori che Lupo nel giorno della presentazione aveva dichiarato di voler blindare. Un obiettivo raggiunto anche grazie, secondo quanto racconta Lupo, allo sforzo di Zamparini: "Bisogna ringraziare il presidente Zamparini che ci ha permesso di dire no - ammette - Aleesami è rimasto con grande disponibilità. Davanti ad un club importante come il Sassuolo ci ha pensato, ma chi è rimasto lo ha fatto con le giuste motivazioni. Zamparini ha detto no anche per Nestorovski visto che il Torino stamattina si era fatto avanti con un'offerta importante. Questo va sottolineato".

Oggi è stato anche il giorno dell'addio di Alessandro Diamanti, una risoluzione arrivata a Milano e che separa le strade del fantasista di Prato e del Palermo: "È stata una scelta condivisa dall'inizio, Alessandro sapeva qual'era la decisione della società - racconta Lupo - Ha chiesto rispetto e gli è stato dato. La risoluzione è arrivata per consentire al ragazzo di avere diverse possibilità, anche all'estero. Negli ultimi mesi Alessandro si era comportato con grande professionalità, ma aveva fatto il suo tempo a Palermo. Mi sembra che ciò che ha scritto dopo la risoluzione abbia confermato il suo sentimento di gratitudine nei confronti di Palermo e dei palermitani".

Diversa, invece, la situazione di Gennaro Ruggiero, passato al Torino: "Il ragazzo dopo l'esperienza dello scorso anno dove ha avuto la fortuna di esordire in Serie A cercava uno spazio nell'organico per avere continuità - prosegue Lupo - le nostre esigenze non andavano a pari passo con le sue. Siamo andati alla ricerca di un percorso, insieme al suo agente, che gli consentisse di proseguire il suo cammino. Il Torino gli darà la possibilità di lavorare in un settore giovanile importante e di tradizione come il Palermo, ma in un campionato Primavera superiore che gli permetterà di affrontare avversari più importanti. L'operazione è economicamente conveniente per il Palermo, altrimenti tornerà qua".

Chiosa finale di Fabio Lupo sulla collocazione di questa squadra nel campionato di Serie B: "Tutti ci hanno fatto i complimenti per la nostra rosa, considerata competitiva. Le chiacchiere valgono poco, se le porta via il vento, contano i fatti. Non basta portare sulle spalle una maglia blasonata come quella del Palermo, la strada va spianata con la lotta, il sudore e la fatica. Il campo dirà se questa squadra potrà combattere per obiettivi importanti".

Condividi su Facebook