00. Logo
La Rosa del Palermo calcio Formazione Palermo Calcio I Video sul Palermo Calcio Giochi Vari
Cerca Notizie Palermo Calcio
  Registrati
Username:
Password:
Hai dimenticato la password?
Banner Design 300x250
  Calendario Completo
Loading...
Loading...
  Statistica completa
Loading...
Risultati in Diretta - Serie A - Tutto il Calcio    
Meteo a Palermo
 
Prima Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Seconda Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo Terza Maglia Ufficiale - U.S. Citta di Palermo
1ª Divisa 2ª Divisa 3ª Divisa
Articolo sul Palermo Torna Indietro
Fonte: Repubblica di Palermo        Letta: 1126 volte        Condividi:
Inchiesta Zamparini, all'esame degli inquirenti i conti del 2014
[ martedì 8 agosto, 2017 ore: 11:04 ]

Inchiesta Zamparini, all'esame degli inquirenti i conti del 2014
Gli inquirenti indagano su operazioni fittizie nel capitale sociale a vantaggio del patron in particolare il versamento di somme verso fantomatici soci finanziatori.

E’ quanto si legge nell’edizione odierna di ‘Repubblica’: "Maurizio Zamparini annuncia di essere in trattativa con tre cordate straniere per la cessione del Palermo. Una cessione che il patron dice di volere portare avanti nel più breve tempo possibile. Chissà che tra i motivi che fanno propendere Zamparini per un rapido passaggio di consegne non ci sia anche l'inchiesta della procura di Palermo.

Fra le carte sequestrate nel corso della perquisizione del 7 luglio e quelle acquisite il 27 luglio l’attenzione degli inquirenti in questo momento è concentrata tutta sugli avvenimenti del 2014, a cominciare dalla riduzione del capitale sociale del club rosanero, provvedimento preso il 21 gennaio del 2014 che ha ridotto la somma interamente versata da 25 milioni a 13,5 milioni di euro, fino ai rimborsi verso “altri soci finanziatori” che ha portato il Palermo proprio in quell’anno ad accumulare solo per questa voce 16.194.441 di euro di debiti.

La domanda che si fanno gli inquirenti è chi saranno mai questi “altri soci finanziatori”, come si legge sui bilanci sotto la lente d’ingrandimento del nucleo della polizia tributaria, visto che l’intero pacchetto di proprietà del club rosanero nel periodo in questione è tutto riconducibile a Zamparini. Fino al 2013 la proprietà del Palermo era suddivisa fra Gasda, la società della famiglia Zamparini il cui acronimo mette insieme i nomi dei figli del patron Greta, Andrea, Silvana, Diego e Armando che aveva la maggioranza delle azioni, e lo stesso patron che per sé teneva solo una piccola parte. Un metodo adottato spesso dalle società per evitare che figuri un unico proprietario. Dal 2014 in poi, invece, i rapporti di forza sono stati ribaltati mantenendo però le stesse proporzioni: la maggioranza è passata quasi tutta a Maurizio Zamparini con la Gasda che ha tenuto una piccola parte di azioni.

Il 2014, inoltre, è l’anno del passaggio di proprietà del marchio alla MePal per un totale di 17 milioni di euro, passaggio questo che resta il filone principale dell’inchiesta. Un’ottimizzazione di bilancio, come la chiama Zamparini, alla quale la società rosanero è ricorsa per ripianare, insieme alla riduzione del capitale sociale, per coprire i 27 milioni di euro di passivo del bilancio di quella stagione.
Il sospetto di chi indaga è che in realtà quei debiti siano stati fatti ad hoc per sottrarre fondi alla società: nel 2014 se il Palermo non avesse fatto ricorso a quegli artifici contabili, dopo avere chiuso l’esercizio precedente con 19,4 milioni di euro di passivo e quello di quell’anno in rosso per 27,7 milioni di euro, il patrimonio del club avrebbe corso il rischio di essere azzerato del tutto. Se fosse accaduto, Zamparini avrebbe dovuto rifinanziare la società per 14 milioni di euro, oppure mettere in liquidazione il club.

Sei le ipotesi di reato contestate dalla procura: appropriazione indebita, riciclaggio, impiego di proventi di provenienza illecita, autoriciclaggio, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte e falso in bilancio aggravato dalla transnazionalità.
Sono otto in tutto gli indagati, con Maurizio Zamparini anche il figlio Diego Paolo, il presidente del collegio sindacale del club rosanero Anastasio Morosi, la segretaria di Zamparini Alessandra Bonometti, Domenico Scarfò, Rossano Ruggeri, il presidente e il consigliere delegato di Alyssa, la società riconducibile a Zamparini che ha acquistato la MePal e il marchio rosanero, il belga Luc Braun e il lussemburghese Jean Marie Poos."




Condividi su Facebook